adesso analizzeremo insieme i pregi e difetti dei substrati piu comunemente usati,terra,cocco,idro.

 

Terra: La terra consente una crescita rapida solamente a condizione che sia adeguatamente aerata e di struttura leggera. Dal momento  che le radici si sviluppano al meglio quando crescono in un terriccio leggero e arioso, questo è ciò che dobbiamo cercare di fornire loro. Prima le radici crescono e si propagano, e prima la pianta potrà crescere sopra il terreno. Alle radici serve ossigeno e se la terra risulta dura perché è stata compattata, conterrà meno ossigeno rispetto una miscela più leggera.

Sicuramente l'uso del terriccio che contiene dei nutrienti aiuta molto i principianti,dato che non si deve fertilizzare nei primi stadi di vita della pianta evitando così errori da parte nostra.Un cattivo inizio può rivelarsi disastroso per l'intera fioritura e per il raccolto. Il terriccio o la terra quindi sono un substrato perfetto per i coltivatori principianti e imparando, in questo modo, potrete ampliare successivamente le vostre conoscenze sulla coltivazione.

 

Cocco:Il cocco è un substrato da coltivazione più areato del terriccio . È uno dei miei substrati che  garantisce alle piante una  partenza eccellente, grazie all'abbondanza di ossigeno contenuto nelle fibre di cocco. Le piante coltivate in un substrato contenente più ossigeno sono più forti e sviluppano un maggior numero di rami laterali di maggior robustezza. L'inconveniente del il cocco è che non contiene sostanze nutritive, è povero di alimenti. Per tale ragione, bisogna cominciare molto presto ad aggiungere nutrimenti liquidi.

 

idroponica:Coltivare con l'idroponica vi consente le massime velocità di crescita, grazie all'abbondante presenza di ossigeno a disposizione delle radici. Si tratta di un metodo che richiede molto più lavoro rispetto al cocco o alla terra.Bisogna ammettere che una volta imparato a coltivare in idroponica,sarà dura tornare ad i metodi più classici.Anche in idroponia  si deve aggiungere nutrimenti liquidi sin da subito.